venerdì 31 dicembre 2010

Ultimo dell'Anno!!!

Questa mattina ho poltrito il giusto!!

Senza sveglia ho tirato avanti bene fino a poco fà.
Ultimo giorno dell'anno ovvero trecentosesantacinquesimogiorno, sarò monotono ma gli anni passano davvero in fretta!!!

Ieri in terra sarda ha funzionato tutto abbastanza bene, terapie pasti, certo la Stefy ha dovuto dare il meglio di se perchè il principino vuole solo cose sfiziose e nuove!!! Dopo la seconda ora di terapia le ragazze hanno portato i pargoli a far merenda al bar e il signorino in questione si è mangiato un quarto di pizza margherita.

Per cena invece ha mangiato bene perchè la cuoca non gli ha propinato la solita minestrina!!!!!! Lasciamo perdere il lato wducativo della faccenda in questo periodo perchè altrimenti.......................

Ieri il medico dell'iperbarica ha anche rassicurato Angela in merito alla stanchezza sua e del bambino, stare un'ora in una camera in pressione stanca (anche in america fabullo dopo il trattamento dormiva) figurarsi qui che fa 2 sedute al giorno, Inoltre anche Angela è nrmale sia stanca perchè è vero che non respira ossigeno puro come Fabio ma sempre comune aria in pressione, ecco spiegata la spossatezza totale.

Per quanto riguarda Fabio i medicinali fanno il resto, quindi alla luce di tutto questo bisogna stare tranquilli e dare tempo all'organismo del piccolo di abituarsi.

Visitate questo link:
http://www.sistemiiperbarici.it/, la camera iperbarica in cui va Fabullo è prodotta da questa azienda, se fate un giro del sito vedret quante iperbariche sono presenti in italia!!!!!Rimarrete a bocca aperta!!!!!

Oggi giornata di preparativi per il cenone di questa sera, chissà quali lecornie preparerà la Zia Stefy, Pier che dici prendiamo un aereo questa sera e facciamo un'improvvisata a Porto torres? immagino le loro faccie e le loro parole, sopprattuto quelle di mia moglie!!!!!!!!!!

Buon ultimo dell'anno a tutti!!!!

Paolo

giovedì 30 dicembre 2010

Quasi 2011!

Anche voi in questi giorni di fine anno dite come me "mamma mia e un altro anno è passato, volato, via volatilizzato"?

Io tutti gli anni mi ripeto, questo 2010 se ne è andato velocissimo, quando sei preso da lavoro e vita familiare non ti accorgi che le pagine del calendario si alzano come foglie al vento.

Ieri è stata giornata buona, il piccolo ha iniziato bene riempendosi letteralmente di cacca al mattino presto, la sera prima avevamo appunto detto che era li da fare e lui ha provveduto. Per quanto riguarda l'inappetenza siamo andati solo un pò meglio, colazione si, pranzo solo uno spizzico, merenda faccino perplesso...................
poi alle due mamme è venuta voglia di portare i bimbi a fare colazione al BAR!!!!
Quando Fabullino rugnosetto ha visto la merenda di Michi e pargoletto, cioccolata calda con panna, ha cambiato faccia, gli sono venuti 2 occhioni grossi come dei piattini da dolce e ne hanno presa una anche per lui!!!
Yogurt e cerealini mangiateveli voi!!!!!!!!!! con la stessa faccia di Pier Francesco da piccolino!!!

Ieri sera il meccanico amico mio, parlando della povera punto mi ha guardato e mi ha detto "Paolo la macchina è vecchia e marcia....."e mi ha fatto l'elenco dei lavoretti da fare, non ne vale la pena!!! Mannaggia però, una macchina non può essere fritta a puntino con 12 anni e 100.000 km!!!!!!!
Adesso mi guardo un pò in giro, come ho accennato ieri per Fabullo ci vorrebbe un mezzo più alto che consenta una più agevole messa in macchina con un buon bagagliaio per carrozzina e altro, ma come dico spesso io "son soldi!!!", da dire di buono che alcuni concessionari oltre a detrarre l'iva al 16 (questo è la legge che lo impone) applicano anche lo sconto massimo del 18, e sono bei numeri, peccato che sti multispazio, cosi' si chiamano adesso, costino un occhio della testa.
Ma adesso vediamo che fare, in questi casi quello che conta è non avere fretta!!

Ora vi saluto, appena ho notizie fresche da Platamona vi faccio sapere.

Buona giornata a tutti!

Paolo

mercoledì 29 dicembre 2010

INAPPETENTE!

Buon 29 dicembre a tutti!

Il Signorino Fabullo Aimo ha dichiarato a mamma Angela e zia Stefy la volontà di non mangiare!!!! adesso non so se ieri ha anche battutto il pugnetto sul tavolino oppure no! A parte le battute la giornata di ieri è stata caratterizzata da un salto di pasto all'altro e con ogni probabilità le cause sono 2, il problema contingente potrebbe essere l'emergenza cacca, oggi farà il clisterino, mentre il problema principale pensiamo possa essere il nuovo antiepilettico, quello che appunto spesso provoca nausea e conseguentemente toglie l'appetito. Non è una sicurezza la nostra ma pensiamo che sia cosi', certo non ci rimane che stringere i denti aspettando qualche giorno sperando che si abitui di nuovo a questo farmaco dalle grandi controindicazioni, mannaggia bastasse l'ossigeno!!!!!!!!!!!

Magari ieri è stata solo una giornata nera, fabullo deve anche abituarsi ai ritmi della terapia, diciamo che è presto per fasciarci la testa, speriamo che però oggi faccia almenno pranzo e che quantomeno beva che è la prima cosa. Il problema è che son bambini, quando hanno qualcosa che non gira per il verso giusto si piantano li come asinelli, e Fabullo in questo è maestro.

Avete capito allora per cosa incroceremo oggi!!! dai Fabio oggi a pranzo ti pappi un bel'etto di panzerotti.

Angela, come vi accennavo ieri, si sente meglio non ha più avuto febbre, ha il naso un pò chiuso ma stà facendo aerosol, mentre i bimbi grandi giocano felici e spensierati.

Per la cronaca ieri sera la vecchia punto stava per abbandonarmi per strada a torino!! le ganasce dei freni posteriori erano bloccati come se il freno a mano fosse tirato, le ruote davanti mandavano avanti la macchina e le due dietro la fermavano...sembrava dicessero "no noi vogliamo restere qui!!!"
e che due p.....ad un certo punto è anche arrivata una pattuglia di carabinieri, guardavano la macchina e ridevano divertiti!!!! in effeti la scena era abbastanza comica!!!!!
Bene vi auguro buona giornata e come al solito vi tengo informati.

A presto Paolo

martedì 28 dicembre 2010

E' arrivata la Stefy!!!

EVVIVA!!!!
E' ARRIVATA LA STEFY!!!!!

Chissa quante parole avranno fatto le due donne!!!!!!!! beh io non le ho sentite.......

Ma andiamo per ordine, cronaca della giornata di ieri:

Per prima cosa ieri non ho scritto che lunedi' era il compleanno del grande AMICO del Blog, Boog!!!!!! AUGURI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ieri mattina prima seduta di iperbarica, durante la visita il Dottore era ancora dubbioso per il catarrino che girava, temeva che non fosse completamente guarito e che gli sbalzi di temperatura lo infastidissero, invece per fortuna è andata bene e anzi Angela per telefono mi ha detto che gli sbalzi ci sono ma sono abbastanza contenuti, in ogni caso per essere pronti a tutto in camera Fabullino aveva un bel asciugamanone da spiaggia per protezione.
Dopo il primo trattamento finito intorno alle 10.15 mamma Angela Fabullo e Michi hanno girellato un pò per la zona per far passare il tempo e far riposare il piccoletto. Per pranzo si sono sistemati nella reception del centro iperbarico.
Alle 12.45 è iniziata la seconda seduta, in questa occasione Fabullo ha fatto nanna e la terapia è corsa via tranquillamente, in camera c'è anche una sua vecchia amica conosciuta in Florida, Veronica, questo con buona probabilità è anche un buon motivo per stare buoni.

Intorno alle 14 hanno finito anche la seconda terapia e hanno potuto fare rientro a casa.
Le considerazioni sono semplici, speriamo intanto che il piccoletto affronti sempre bene questa terapia che per lui è importantissima, con l'arrivo della Stefy sarà più semplice gestire il lasso di tempo trà prima e seconda seduta tornando magari a casa fare una bella pappa calda e subito nanna. Finchè sarà cosi' sbattutino da influenza e aumento del farmaco sarà dura incastrare la fisioterapia trà un trattamento e l'altro, adesso però abbiamo la Stefy che essendo Fisioterapista pure lei potrà in qualche modo tamponare la situazione. Bene nei prossimi giorni vedremo.

Ma torniamo al racconto della giornata, nel tardo pomeriggio Angela e bimbi sono partiti alla volta di Alghero per recuperare appunto la Stefy e pargoletto, l'aereo è atterrato puntualissimo e appena arrivati a casa i bocia si sono messi subito a giocare con grande felicità di Fabullo che guardando i due si è distratto molto.

Fabullino stà ogni giorno meglio ma sempre abbastanza stanco, io penso che il nuovo antiepilettico lo stia un pò spalmando, speriamo si abitui a breve.
Ok allora buona giornata a tutti, e se ho novità vi faccio sapere!

Apresto
Paolo

lunedì 27 dicembre 2010

Si parte speriamo!

Mamma mia che figura Lully!! ammetto che Liturgicamente sono abbastanza indietro, bisogna dire che molti calendari ormai non riportano i Santi per lasciare spazio alle foto, comunque mi cospargo il capo di cenere, mi sembra già di vedere la faccia divertita di Sorella Lully!

Ma torniamo a noi, ieri mentre io ero in volo, il Trio è salito in macchina ed è andato a visitare Capo Caccia che è molto vicino ad Alghero, hanno fatto un giro anche nel golfo e poi sono tornati verso Porto Torres per fare pranzo, in questa stagione si viaggia molto bene in macchina per il pochissimo traffico, riuscendo a coprire distanze che nei mesi estivi sarebbero proibitive, che bella la Sardegna con pochi turisti.
Fabullo ha riposato in macchina e arrivati a casa ha fatto decisamente un ottimo pranzo, dopo la pappa ha voluto andare a nanna e con la Michi che gli teneva compagnia è stato veramente bravo, che stella la sorellina che si coccola tanto il fratellino.
Ieri sera all'ora di cena il bimbo era stanchino e non so se ha fatto bene pappa ma penso e spero di si, mentre la nottata spero sia andata bene come il sonnellino del pomeriggio.
La Angela ieri era ancora abbastanza cotta, in giro c'è un'influenza davvero tosta la speranza è che se la tolga nel minor tempo possibile.

Oggi al 99% si entra in Camera Iperbarica, incrociamo l'impossibile per far si che il cucciolo stia buono buono per l'oretta di trattamento.

Questa sera il Trio deve tornara ad Alghero a recuperare la Stefy dei monti olimpici con pargoletto, chissa quanto giocheranno i bimbi!

Io oggi rientro al lavoro, ma la giornata non sarà mai pesante come quella di Angela!

Buona giornata a tutti e tanta forza al Trio che a quest'ora sarà in piedi per fare colazione e parire alla grande!!!

Paolo

domenica 26 dicembre 2010

Santo Stefano!!!!

Buon Santo Stefano a tutti!!

Oggi ahime parto per Torino, Lunedi’ si torna al lavoro,

Natale è andato tutto sommato bene a parte il grande vento che ha reso la giornata più fredda di quanto fosse realmente, il pranzo è andato alla grande e la Michi dopo lunghe riflessioni ha stilato la classifica dei Menu:
primo posto per Roberta e Ciampi!!! (Michela conta di assaggiare sul serio tutte le vostre lecornie NEH!!!)
secondo posto per Peter Pan (bella l’idea di andare in Osteria!)
terzo posto Bubbietta (che cose buuuuuuoneeeee!)

Fabullo ha mangiato bene colazione pranzo e merenda, un pò meno la cena, ma tutto sommato è in netta ripresa considerando anche che oggi non ha avuto scariche di diarrea.
Ieri sera e per buona parte della notte ha avuto il sonno molto agitato, non capiamo se per delle colichette al pancino o se a causa dei medicinali che gli provocano delle piccole allucinazioni.
In ogni caso oggi ha giocato abbastanza con la sua macchinina nuova, una grande punto della polizia municipale.

Ieri pomeriggio abiamo fatto il pieno di cartoni animati e la Michi si è tanto divertita a guardare F.B.I Operazione Gatto, film di tanti anni fà ma sempre bellissimo e adattissimo ai bambini vista la trama semplice e lenta, era molti anni che non lo vedevo e mi sono fatto tante grasse risate, chissa se i gatti della Anna hanno visto anche loro il film!!!! Secondo me il Leo non avrebbe per niente sfigurato nel ruolo di “Agente Segreto”................
Come vi dicevo questa mattina dobbiamo darci una mossa perchè papà deve prendere l’aereo ad Alghero e bisogna arrivarci per tempo possibilmente, il viaggio è bello breve e a caselle arriva a prendermi lo Zio Alberto.
Chissa che freddo polare troverò.
Nei prossimi giorni arriverà la Stefy dei monti olimpici con pargoletto annesso a dare una mano alla Angela speriamo completamente sfebbrata.

sabato 25 dicembre 2010

Con tutto il nostro cuore

Eccoci qua, mattina di Natale, che speriamo sia davvero una rinascita per tutti: noi ne abbiamo davvero bisogno; quando le cose non vanno come avevamo programmato tutto ci cade in testa e sembra che tutto quello che abbiamo provato a fare si dissolva in un secondo. Al Natale chiediamo delle buone cose che ci diano la voglia di andare avanti.
Fabullo ha passato un'ottima notte, la tosse va molto meglio; mangiucchia anche durante la giornata. E' solo stanchissimo, triste e svogliato: dorme tanto durante la giornata, non risponde, non sorride. Però ieri ha sentito la musica di Sandrino e si è illuminato, quindi tutto rimbambito non deve essere.
Finirà l'influenza e finiranno gli antibiotici e andrà tutto meglio, proviamo a crederci. D'altro canto io sono stata molto meno male di lui e faccio tranquillamente concorrenza al mocio vileda.
Ieri stavo di nuovo a letto sul febbricitante andante ed è arrivata una sorpresona: è arrivata la signora di sopra con due vassoi di dolci sardi cucinati da lei. Così ieri sera abbiamo aspettato che i bambini fossero a nanna poi abbiamo apparecchiato per colazione: tovaglia rossa, tutti i dolci, e qualche regalino portato da casa. Babbo Natale però ha scaricato il grosso in Via Parrocchia, così a metà gennaio... altre sorprese!!!!
Per il pranzo di oggi abbiamo comprato i ravioli alla ricotta di pecora: signora, che sugo usiamo? Pomodoro e basilico, dia retta a me, è la morte sua: basilico e ricotta si sposano che è una meraviglia.
Poi arrosto con patate e tutti questi dolci meravigliosi.
Che il Natale porti a tutti gli amici del blog delle cose meravigliose. Noi siamo davvero felici di sapervi sempre vicini al nostro piccino.
Tanti suguri, con tutto il nostro cuore.
Angela

venerdì 24 dicembre 2010

Vigilia di Natale all'insegna della ripresa!

Buongiorno a tutti, e buona Vigilia di Natale!!

Allora vi racconto la giornata di ieri, in iperbarica siamo andati io e Fabio e abbiamo lasciato la mamma a letto al caldo con la Michi in appoggio tecnico tattico, che tradotto in parole povere vuole dire fare nanna nel lettone con mamma.
Il dottore ha trovato meglio Fabio ma con ancora qualche rumorino bronchiale, quindi ci rivediamo lunedi’ mattina e per favore incrociamo tutti insieme.
Il resto della giornata è filato via in casa visto che pioveva come l’acqua della doccia.
Da segnalare la diarrea per Fabullo come conseguenza dell’antibiotico, anche in questa occasione il Dottore del Centro Iperbarico, Santo Subito, ha risposto prontamente alle nostre domande pur essendo in ferie, da ieri pomeriggio abbiamo ridotto il dosaggio di antibiotico, sperando che basti.

Ieri l’ultima emozione è stata l’arrivo dell’antennista che doveva risolvere un problemino al televisore, ma questa telenovela ve la racconto quando sarà terminata.

Oggi salvo imprevisti organiziamo il pranzo di Natale, presto vi darò il Menu.
Fabullo ha passato la notte bene con poca tosse e niente cacca, anzi mi dicono dalla regia che l’ha fatta ora!!
Mentre Angela questa mattina è in piedi, ancora rottina ma meglio di ieri.

Bene vado a tirare su l’asinello che strilla come se lo stessero pelando vivo!!!!!

E voi che cosa cucinate per Natale? Diteci i vostri Menu cosi’ la Michi sceglierà il migliore, per lei NEH!!!

A presto, e passate una bella Vigilia!!!

Paolo e Michina

Per Peter Pan, Angela in terra sarda non ha ancora letto nulla, speriamo da domani!

giovedì 23 dicembre 2010

Un sorriso da Fabullo

Oggi il post lo faccio io!!
Ieri sera Angela ha seguito l’esempio del nostro caro Giovanni ed è filata a letto con la più classica delle influenze, tutta rotta, fame zero, per fortuna poco o niente febbre.

Fabullo ha passato meglio la notte passata senza febbre e poca tosse dalle 4 in poi, il Medico del Centro l’ha auscultato e l’ha trovato meglio ma per precauzione non ha voluto farlo entrare, non tanto per il catarro ancora presente, quanto per paura che gli sbalzi di temperatura potessero causare una ricaduta.

Per questo motivo abbiamo messo in macchina i bimbi ed approfittando della bellissima giornata siamo tornati a Stintino per vedere i colori della spiaggia con il sole.
Effettivamente come diceva Bubbietta vedere Stintino cosi’ deserta è veramente spettacolare, ad agosto invece è una gabbia di matti come dicono gli stessi sardi.

A pranzo Fabullo ha fatto bene pappa è ha iniziato a fare dei bei sorrisi, erano giorni che lo vedevamo cupo e distaccato da noi al punto che il suo buonumore ha fatto sorgere un secondo sole tutto nostro.

La speranza è che oggi possa entrare in camera, vediamo che cosa dirà il medico che era comunque abbastanza dubbioso.

La situazione di questa mattina è la seguente, Fabullo ha dormito bene, solo tosse appena coricato poi nanna ad oltranza, trà mezzoretta dovrò alzarlo, la febbre ormai è un ricordo, si sveglia ancora spesso un pò allucinato ma questi sono tutti i farmaci che ha preso e che ancora stà prendendo.
La Bellini ha riposato ma alle 6 aveva un pò di febbre quindi tachipirina e di nuovo a nanna. Oggi porto Fabullo ad auscultare e speriamo che si possa fare una gita in iperbarica. La Michi continua a godersi la vacanza spensierata, almeno lei, mi ha fatto promettere che la prossima estate faremo il bagno in questo mare.

A presto dal lazzareto sardo

Paolo

mercoledì 22 dicembre 2010

Oggi?





Giornata di ieri passata senza febbre, cotto come una pera williams, ma ha anche mangiato qualcosa.
Stamattina si va alla visita e vediamo, noi speriamo di cominciarlo ‘sto benedetto ossigeno. Magari vado a farlo solo io, chissà che mi faccia un pò bene, magari qualche connessione me l’attiva.
La notte è andata benissimo, solo un attacco di tosse verso mattina.
A parte tutto, ieri sera lo abbiamo visto un pò meglio e abbiamo incominciato a cercare di pensare da quando abbiamo incominciato a vederlo più stanco: secondo noi è da quando abbiamo incominciato a fare i piccoli aumenti di farmaco nuovo, lo zorantin. Forse ci sta, ci si deve adattare, lo ha fatto con il frisium quando ci sembrava impossibile da quanto era perso. Però sarà lunga, forse, perchè gli aumenti andranno avanti fino a fine gennaio, piano piano: quindi dovrà adattarsi agli aumenti e poi anche al livello ematico.
Per di più in quei giorni lì è incominciata anche la tosse, forse covava già l’influenza, boh.
Vabbè.
Ieri ha dormito tantissimo, come chi è tareffo. Nel pomeriggio io ho portato la Michi a spasso, come vedete dalle foto: alla spiaggia La Pelosa, che nonostante il cielo non proprio limpidissimo ha comunque dei colori da rimanerci secchi tutte le volte. Vista senza turisti sembra di stare all’inizio del mondo. Io un pò mi rilassavo e un pò pensavo a che cosa avrebbe detto Fabullo lì davanti, sono talmente noiosa che non mi sopporto da me. Temperatura ottima, solo un pò di vento, ma in giro senza giacca.
Al ritorno siamo passate a vedere la basilica di Porto Torres, che è qui dietro casa, ma ci torniamo con la luce.
Ieri mattina siamo andate un attimo in iperbarica, così il dottore ha tolto i due famosi punti, la Michi non ha fatto in tempo a capire che non c’erano già più. Intanto Fabullo dormiva e i tecnici perforavano il muro per mettere la pompa di calore: sono poche ore che gira, ma ci sembra che vada già molto meglio, la temperatura è decisamente più uniforme.
E basta. Chi si lamenta è perduto fino alla prossima volta, non lo so, tra cinque minuti.
Ma è lecito chiedere notizie del nostro consulente americano????
Buona giornata.
Angela

martedì 21 dicembre 2010

Almeno ùffa lo posso dire?



Mamma santissima. Allora.
Ieri Fabullo non è entrato in iperbarica: l’avevamo, ahimè, immaginato. La notte aveva tossito parecchio e c’era del catarro che girava e lo vedevamo sempre più cotto, per cui i conti erano presto fatti. Così ho incominciato a pensare che ecco, ci avrebbero fermato per una settimana, per cui Fabullino perde un’occasione importante, proprio in questo periodo in cui è già così, non torneremo mai più ai livelli di quest’estate, la frittata è fatta, è tutto finito, potrei andare avanti di qui a Tunisi, più o meno.
Però l’abbiamo portato al centro iperbarico, soprattutto perchè ci tenevamo che fosse visitato. E ci è piaciuto da morire: è un centro medico proprio sulla spiaggia, con vari padiglioni che offrono diverse prestazioni, proprio l’equivalente di un nostro poliambulatorio ma in spiaggia. E il clima era meraviglioso, di prima mattina c’erano 14 gradi.
Abbiamo finalmente conosciuto il responsabile del centro, che è un otorino, ed è veramente ma veramente bravo: ha detto che voleva davvero visitare Fabullino e che avevamo fatto benissimo a portarlo. Per cui gli ha fatto una bella visita, ha confermato che non c’è broncospasmo ma del catarro che gira: meglio non fare ossigeno per oggi perchè i bronchi erano un pò occlusi; meglio prendere l’antibiotico perchè il catarro non si infetti, non venga la febbre e non la finiamo più. Per cui antibiotico e vitamine. Ma per quanto pensa che non potrà entrare in camera iperbarica? Penso che se il catarro si muove e si riduce un pò potrà già entrarci domani. E questa è la bella notizia.
Ovviamente con tutti questi farmaci sarà cottissimo, non faremo fisio, ma speriamo di non perdere altre iperbariche. Per cui ci rivediamo domani mattina per una nuova visita e, speriamo, la terapia.
Speriamo speriamo speriamo, crediamoci crediamoci crediamoci. E’ terribile vederlo così, raccontare del suo impegno nei mesi scorsi sembra una bugia.
Viste le temperature miti di ieri e il cielo un pò coperto e un pò no, il dottore ci ha anche consigliato di farlo passeggiare un pò a respirare l’aria di mare. Così siamo usciti e siamo già andati a passeggio lì e la Michi ha scorrazzato in spiaggia. Poi si è rannuvolato e abbiamo seguito il cielo azzurro: e siamo arrivati a Stintino, dove c’è un lungomare con un bella passeggiata, c’era un sole meraviglioso, sembrava il nostro aprile, Fabullo un pò ha dormito e un pò no, ma non si è lamentato. Michi e Paulo Aimo si sono sbizzarriti in foto.
A casa Fabullo ha voluto subito dormire e ha riposato tutto il pomeriggio, poi ha fatto una buona cena.
Stanotte ha dormito meglio, ma poi è arrivata la febbre: 39 subito, sudava sotto il piumone, scoprirlo va bene o no con il freddo che fa? Boh. Con la Tachipirina è scesa.
Ora ho già lasciato un messaggio al dottore così mi richiama: ovviamente non lo portiamo, anche se fosse completamente sfebbrato è stanchissimo dopo una notte così.
Sicuramente non ha nulla di grave, è un’influenza, mezza Italia è a letto, pure LA PAOLA la settimana scorsa, sissignore.
E’ solo che non ci voleva ora. Io sono preoccupatissima perchè non capisco quanto sia rintronato da influenza (tanto, di sicuro) e quanto da situazione neurologica: e quanto da crisi e quanto da farmaci nuovi; e se è così, quanto è una situazione reversibile e quanto no. Quanto dobbiamo crederci e quanto no. Mamma santissima. Che poi: a pensarci bene: ha superato il primo farmaco; il secondo nonsembrava dargli così fastidio, forse ha incominciato a essere così rintronato quando ha incominciato a tossire, forse covava l’influenza, quindi deve solo passare. O no? Datemi uno spigolo acuminato.
E poi: siamo qui per la terapia e adesso perdiamo dei giorni. Che vuol dire? Vuol dire che le influenze capitano? Vuol dire che non gliela dobbiamo far fare? Ieri avevo paura che stesse fermo una settimana e così ho portato rogna? Vuol dire che penso troppo e devo mangiare un’altra fetta di pandoro?
Comunque il centro ci è piaciuto molto e il medico ancora di più. Tra l’altro come ha visto il mento della Michi si è subito offerto di toglierle i punti: nei prossimi giorni lo faremo. La Michi lo ha subito ringraziato con immensa gratitudine, perchè era davvero preoccupata che mi ci mettessi io.
Tra poco vengono a montare la pompa di calore, dovrebbe semplificarci le cose.
Incroci pensieri e preghiere perchè Fabullo possa incominciare la terapia prestissimo.
Buona giornata.
Angela

lunedì 20 dicembre 2010

Santo subitissimo

Il proprietario dell’appartamento in cui ci troviamo, oltre ad essere una persona davvero gentile e simpatica, rientra immediatamente e a pienissimo titolo nella categoria dei santi subito, subitissimo.
Perchè, visto che Fabullo ha la tosse e la casa è fredda, oggi o al più tardi domani ci farà installare una pompa di calore in corridoio: ed è vero che è solo una e non coprirà tutte le stanze, ma dovrebbe davvero cambiare la situazione.
Ieri pomeriggio è venuto a dircelo e non sapevamo più come ringraziarlo, in fondo non c’era niente di dovuto, ci aveva avvisati che il riscaldamento non c’era. Insomma, un’altra brava persona sulla strada di Fabullino.
Qui sono tutti molto cordiali: ieri siamo tornati al supermercato a fare provviste e abbiamo già incontrato un paio di vecchie conoscenze (dell’altro ieri) con cui contarcela.
Fabullino ha sempre la tosse e speriamo che passi: sta sicuramente combattendo un’influenza e speriamo se la tolga alla veloce, perchè fa una pena infinita, non ha voglia di niente ed è sempre stanco, ci mancava oltre ai farmaci nuovi.
D’altra parte ci sta, sono mali di stagione, all’asilo sono tutti tareffi. Solo che a noi spiace per ogni cosa che gli capita e, soprattutto, ora lo vorremmo in forma.
Stamattina andiamo al centro iperbarico dove verrà visitato: il responsabile del centro, tra l’altro, è un otorino e a noi va benissimo. Speriamo speriamo speriamo che Fabullino possa incominciare il trattamento oggi, perchè siamo qui per questo, però dobbiamo sentire cosa dice il dottore.
Non credo che incominceremo la fisioterapia, perchè sarebbe assurdo fare qualcosa di faticoso con Fabio così fuori forma.
Insomma, speriamo di darvi prestissimo delle buone notizie, perchè neabbiamo un gran bisogno.
Buona giornata.
Angela

domenica 19 dicembre 2010

Eccoci qua, mamma santissima.

Allora: nessunissimo problema per andare a genova venerdì sera, probabilmente il grosso della neve non era ancora incominciato. Benissimo l’imbarco, non è mica agosto con le code chilometriche e gentilissimi sulla nave.
I bambini con gli occhi più grandi della testa nel vedere quella barchetta, e poi il garage, e poi tutti gli specchi, la cabina con i letti a castello, la Michi che voleva esplorare tutto, ok ora mangiamo qui in cabina e poi andiamo in giro.
E abbiamo fatto in tempo a mangiare prima che la nave partisse: poi si è messa a ballare che neanche alle gare di samba. Io mi sono portata avanti e ho incominciato a stare male subito. Ho preso le pastiglie, siamo andati a passeggio, ma ho capitolato alla veloce: da coricata e con gli occhi chiusi nessun problema, per fortuna. Fabullo è stato noiosetto, sicuramente per la tosse, non sappiamo se avesse un pò di nausea.
Siamo arrivati a Porto Torres con un cielo dipinto, una temperatura freschina, ma c’erano otto gradi, dico otto, mica meno dieci. Tanto vento, questo sì.
Appartamento: abbiamo incontrato il padrone di casa, che è una persona gentile e simpatica. Sopra abita la sorella, altrettanto simpatica. L’appartamento è confortevole, pulitissimo, con una bella cucina, tanti armadi, la lavatrice, ma senza riscaldamento: ce l’avevano detto subito, qui molte case sono così, soprattutto quelle in affitto perchè si usano d’estate. E per la zona questo è un inverno freddissimo.
Abbiamo tre stufette da far girare nelle diverse stanze, la cucina cucinando va subito molto meglio, ci facciamo più che altro il problema di Fabullino che è fermo e, in questi giorni, tutt’altro che in forma.
E’ sempre stanchissimo, fa una pena infinita: probabilmente a tutti i pasticci di farmaci si aggiunge anche questa tosse, una mezza influenza senza febbre per fortuna. Però se lo paragono al bambino della scorsa estate, non è più lui, speriamo di ritrovare una quadra.
Comunque: ieri mattina abbiamo subito fatto la spesa, ed è tutto comodissimo: supermercati forniti e persone coridiali. Ieri pomeriggio, dopo la nanna, siamo andati a vedere dov’è il centro iperbarico: ci vogliono meno di dieci minuti, se dobbiamo andare e venire non è un problema. Il sole stava già scendendo e non abbiamo potuto apprezzare bene, ma è proprio sulla spiaggia!!!!!!!
Era anche calato il vento e fuori si stava benissimo.
Ieri sera: la tosse fastidiosissima, Fabullo stanco morto, ci sembrava che espirasse a fatica come quando, prima dell’ictus, andava in broncospasmo. Allora gli abbiamo rifilato il bentelan e poi abbiamo disturbato il medico responsabile dell’iperbarica: di sabato sera alle otto, senza praticamente conoscerci, ci è già piaciuto da morire; ci ha confermato il bentelan e ci ha consigliato di farlo auscultare, in modo da capire cosa fare, anche perchè gli abbiamo spiegato che in questi giorni Fabullo è cotto di suo, per cui facciamo fatica a valutare le cose. Lui è stato d’accordo con noi e ci ha spiegato che la cosa più rapida da fare per non stare a correre in ospedale era andare dalla guardia medica di Porto Torres: così siamo partiti ed era veramente vicino, ma in un posto nel bel mezzo del nulla!!!
Comunque c’erano due dottoresse bravissime, che l’hanno visitato, ci hanno detto che non c’è segno di broncospasmo e anche loro ci hanno confermato ledosi di bentelan perchè è solo tosse. Dobbiamo andare avanti fino a martedì, come ci aveva già detto il medico dell’iperbarica. Ci hanno detto di richiamare in qualunque momento per qualunque dubbio e di chiedere una visita a domicilio, sarebbero venute senza problemi.
Così ci siamo rassicurati, siamo tornati a casa, facendoci mille e settecento domande: dobbiamo cercare una casa più calda? La troviamo? Poi eravamo stanchi morti e siamo andati a dormire, sotto i piumoni si sta meravigliosamente. Il problema rimane l’ambiente.
Stanotte la tosse è andata forse un pò meglio, merito del cortisone probabilmente, ci prepariamo al fatto che Fabullo diventerà impossibile perchè con il bentelan capita sempre.
Domani mattina verrà visitato per l’ossigeno, non credo che ci siano problemi perchè le vie aeree sono tutte aperte, ma sentiremo. Potrebbe essere che non iniziamo subito con la fisio, questo sì. Comunque il medico responsabile ci è piaciuto moltissimo, per cui sentiremo cosa pensa di fare.
Adesso pensavamo di vivere in questo appartamento riscaldandolo ancora qualche giorno, per capire se va meglio: altrimenti vedremo come muoverci.
Qui oggi cielo grigio, pioviggina a tratti, temperatura per noi simile a quella di marzo.
L’importante è vedere Fabullo stare un pò meglio nel giro della settimana: probabilmente ci sono i farmaci nuovi a cui abituarsi e una mezza influenza che sta combattendo, tutto sommato anche bene. Probabilmente mamma è anche un pò piaga, giusto un cicinìn.
La Michi è tutta contenta di questa nuova avventura, fa amicizia con tutti quanti e aiuta tantissimo.
Incroci pensieri e preghiere.
Io per ora leggo poco perchè non ho ancora avuto tempo, ma mangio pane carasau.
Buona giornata.
Angela

venerdì 17 dicembre 2010

Si parte per davvero.

Ok, si parte davvero: dobbiamo solo più mettere via quelle due o tre mila cosette e preparare qualche panino da mangiare in nave questa sera.
Ieri sera abbiamo sentito il proprietario dell'appartamento per le ultime conferme: ci ha detto che fa freddo, ieri sera alle nove e mezza c'erano due gradi. Qui non è salito sopra lo zero nemmeno a mezzogiorno, quindi non siamo troppo preoccupati: l'unica cosa è che nell'appartamento non c'è il riscaldamento, come quasi tutte le case lì. Però ci ha già procurato un pò di stufette.
La tosse non è nulla di pericoloso, niente di diverso rispetto agli altri bambini. Però è fastidiosissima, questo sì.
Ieri ha avuto meno il singhiozzo, l'ho notato solo per qualche minuto, l'altro giorno erano veramente state ore. Adesso incrociamo per le crisi.
Scusate la tetraggine di questi giorni, e ora che l'ho scritto sto pensando a quante volte l'ho già scritto, appunto, mammasantissima che pensieri contorti, giuro che sto bevendo solo thè.
E' che sono tanto ma tanto preoccupata, vedo Fabullo strano, mi sembra meno pronto e vivace nelle risposte, poi se ci penso bene invece no, se ci ripenso invece sì, e allora parti con le domande: stanchezza, tareffaggine, adattamento ai farmaci, crisi che danno fastidio, che cosa altro...
E se sono le crisi che danno fastidio, quanto fastidio danno, stanno facendo danni da cui non si torna indietro, facciamo bene o no a provare l'ossigeno, forse abbiamo aspettato troppo e dovevamo muoverci in autunno, potrei andare avanti per ore senza problemi, ci ficco dentro anche lo scioglimento dei ghiacci, la perdita dei valori, la mezza stagione che non c'è più e si stava meglio quando si stava peggio.
Che piaga galattica.
Invece: partiamo oggi pomeriggio verso le quattro e mezza, la nave parte alle otto e arriviamo domani mattina verso le otto.
Sono andata, ho detto buongiorno, e ho la chiavetta internet che sembrerebbe una roba che riesco ad utilizzare perfino io: Il Pier Francesco ha analizzato la copertura e sembrerebbe funzionare, poi però dipende dalla singola abitazione. Morale: appena capiamo come siamo girati e abbiamo trovato una connessione con il mondo vi diamo notizie.
Incrociare, pensare e pregare. Per favore.
Buona giornata.
Angela

giovedì 16 dicembre 2010

Figuriamoci.

Certo che Peter Pan quando si parla di profezie è troppo avanti, non c'è niente da fare. Questa qui di Totò, mammasantissima,è da brividi: mi sembra che coincidano anche certe facce e certe espressioni.
Ieri, come concordato, ho sentito la dottoressa del Gaslini: le ho detto che Fabullo non vomita e non ha un calo dell'appetito, ma che le crisi ci sembrano sempre uguali. Lei mi ha confermato che è troppo presto, la dose è ancora troppo bassa; ora la cosa importante è la tolleranza. Allora, le ho detto, non si metta a ridere, ma una roba fastidiosa sta capitando da quando prende 'sto farmaco, non sappiamo se è per quello: Fabullo ha degli attacchi di singhiozzo che durano ore e ore.
Non mi metto a ridere perchè può essere vero: è un effetto collaterale rarissimo, ma ci sta. Certo che è proprio rarissimo.
Ovvio che è rarissimo: figuriamoci. Figuriamoci se Fabullo poteva avere qualcosa che andava liscio e omogeneo e convenzionale e noioso. Figuriamoci. Vuoi mica che abbia una vita con le pattine in tinello, i soprammobili di peltro e la minestrina col dado e i telequiz e il cappotto da mettere il primo novembre scrupolosamente.
Dite alla PAOLA di togliersi le mani dai capelli e di rilassarsi sulla sedia prima che il capoufficio pensi che le stia per venire un accidenti.
Chiaro che non le ho mica dette quelle robe lì alla dottoressa, giuro che sono stata zitta e compita. Però le ho pensate, uhhhhhh se le ho pensate.
Comunque.
La dottoressa mi ha detto di provare a resistere che di solito gli effetti collaterali dopo il primo periodo passano, così vediamo come vanno le crisi.
Ci risentiamo a gennaio per concordare nuovi aumenti.
Non sono stata lì a raccontare tutti i miei dubbi sul fatto che lo vedo strano, chissà se è tareffo o stanco eccetera eccetera, perchè diventa difficile per telefono e bisogna conoscere bene Fabio.
Che poi: all'asilo in realtà lavora bene, ieri è stato bravissimo con la Manu Luca e la Zia Ele, quindi cosa cavolo potrei dire.
Sicuramente un motivo di disturbo per lui è che da quando prende il Frisium (il primo farmaco aggiunto), siamo sempre perennemente in emergenza cacca. E' sicuro che è quel farmaco lì, perchè era un problema ormai sporadico.
La tosse è un pò fastidiosa ma niente di troppo grave: speriamo non peggiori in questi giorni in modo da partire senza problemi e, soprattutto, che non si ammali là. Speriamo in realtà che là migliori, perchè è freddo ma non quanto qui, non va all'asilo e c'è l'arietta del mare.
Buona giornata.
Angela

mercoledì 15 dicembre 2010

Vi dico l'ultima.

L'ultima è che la Michi è già a casa in vacanza e non è propriamente in lutto stretto.
Ieri mattina è andata a scuola e alle nove meno un quarto la maestra chiama e dice che ci troviamo in uno di quei casi di burocrazia senza senso, ma tant'è...
Praticamente: al Pronto Soccorso è stato compilato un modoulo di infortunio per l'inail, che è esattamente quello che si usa per l'infortunio sul posto di lavoro; anche perchè non esiste un altro modulo.
E su questo modulo è prestampato che il lavoratore è inabile a svolgere l'attività lavorativa per sette giorni. Il chirurgo ci aveva detto che Michi poteva ovviamente andare a scuola, quella era solo una formula burocratica per i luoghi di lavoro che però non poteva venire cambiata perchè non esistono appunto altri moduli.
E la maestra mi ha confermato la cosa, solo che Michi non può rimanere a scuola con una pratica del genere aperta.
Domanda: ma la Michi sta piangendo dalla disperazione? E lei: aspetti, non lo sa ancora, ma non penso che sarà tristissima!!!!!!!!
Così ho portato Fabullo all'asilo e sono andata a recuperarla e abbiamo già cominciato le vacanze.
Il pargolo comitatesco compagno di disavventura è ancora mortificatissimo per l'incidente e Michela è dispiaciuta per lui perchè si sente in colpa. Amici per la pelle.
La tosse di Fabullo è sotto controllo: sono un pò in angoscia perchè lo vedo stranetto, sempre un pò stanco. Chissà se è un pò tareffino, se le crisi gli danno fsstidio, se il farmaco nuovo un minimo di disturbo glielo dà anche se solo così va bene, se si deve adattare a tutte 'ste medicine, che comunque sono delle porcherie...
Penso che già solo digerirle tutte sia di per sè faticoso.
Che periodo di tetraggine; io leggo Andrea Vitali, che fa decisamente ridere.
Con le valigie non siamo così malmessi, farle entrare in macchina sarà un'altra storia.
Posso dire una cosa che non c'entra niente ma tanto LA PAOLA già lo sa che sono sconnessa e ci ha messo una pietra sopra? Io la dico: ieri guardavo queste storie di parlamento e fiducia e votazioni. Senza offendere nessuno perchè non ne faccio una questione di parte: ma posso dire che sono ridicoli? Vivono una situazione che non ha nulla dico nulla a che fare con l'italiano medio che sta fuori di lì, rimangono una categoria di privilegiatissimi, e riescono a rendersi ridicoli in ogni atto e parola. Se non fosse tutto vero, sarebbe una splendida farsa teatrale.
Ellosò che non c'entrava niente, ma ce l'avevo lì.
Buona giornata.
Angela

martedì 14 dicembre 2010

Due punti.

Ieri mattina Fabullo mi sembrava un pò tareffo. Per cui ho temuto per tutto il giorno che mi chiamassero perchè non stava bene.
Così alle due e mezza, quando è squillato il telefono, mi sono cadute le braccia.
E invece era la maestra di Michela che mi spiegava che, entrando in classe dopo la pausa pranzo, la Michi e un altro degno pargolo comitatesco facevano i somari, sono caduti e la Michi si era tagliata il mento.
Così ho raccolto le braccia perchè era chiaro che non era nulla di grave, sono andata a scuola a prendere Michi con ghiaccio e cerotto e siamo andate a Ivrea.
Siamo arrivate nel nostro reparto di pediatria e tutti ci hanno guardate chiedendosi dove fosse Fabullo (probabilmente anche a loro stavano per cadere le braccia!!!!): poi però sono stati contenti per svariati motivi tra cui vedere un'altra Aimo!!!!!
A parte gli scherzi, se la sono coccolata il giusto, ma il verdetto è stato che il taglietto era piccolo ma profondo ed era meglio dare qualche punto.
Per cui siamo andate in Pronto Soccorso da un chirurgo simpaticissimo che, intanto che rammendava sotto il mento, le raccontava di suo figlio di dieci anni che ne combina sempre una ed è sempre lì a farsi cucire.
La Michi è stata bravissima, aveva paura ma è stata ferma e tutti le hanno fatto i complimenti.
Così la prossima settimana in Sardegna ci organizzeremo per togliere i punti, giusto per arrivare subito con delle richieste intelligenti.
L'altro pargolo comitatesco per non sbagliare è stato messo in castigo dalla mamma, che gli ha anche raccontato che siccome ha sfregiato Michela adesso gli tocca sposarla. Pare che lui non sia rimasto proprio contento della cosa.
Insomma, anche questa è fatta ed è andata bene.
Fabullo continua a tollerare bene il farmaco, oggi incominciamo con gli aumenti: le crisi non vanno meglio, ma penso davvero che fino a che non sale un pò il livello nel sangue sia abbastanza inutile aspettarselo. Questo detto da lucidi, ovviamente. In pratica sono sempre lì a guardare cosa succede, che piaga, mammasantissima. Ieri sera, invece, tossicchiava un pò, per cui incroci incroci incroci!!!!!!!!!!
Oggi si continua con l'operazione valigie.
Buona giornata.
Angela

lunedì 13 dicembre 2010

Bevute in piscina.

Fabullo in piscina ha nuotato veramente come un pazzo e ha anche bevuto il giusto: a dorso faceva andare talmente tanto le gambe e la schiena che poi perdeva l'equilibrio con la testa e finiva sotto. Stavolta è riuscito a non cadere più a destra: in compenso cadeva a sinistra e lì non riusciva sempre a girarsi alla veloce, per cui altra bevuta.
Ci è sembrato che cadesse a sinistra perchè utilizzava di più quella gambetta e quella parte di tronco rispetto all'altra volta.
Siamo tornati a casa che non ne poteva veramente più, ha mangiucchiato qualcosa e ha chiesto di andare a nanna.
Poi sul cavallino è di nuovo stato bravo, anche se aveva il naso rosso rosso per il freddo.
Non ci sono problemi con la tolleranza del farmaco, domani cominciamo ad aumentarlo un pochettino: non sembra avere nausea e mangia come al solito.
Invece le crisi non vanno meglio, ma mi viene da pensare che non sia ancora possibile: ho capito che a dose piena arriveremo a 10 ml al giorno e adesso ne sta prendendo due.
Comunque verso fine settimana chiamerò la dottoressa per farle sapere come va e questa cosa la chiederò.
Sono preoccupata, inutile dirlo. Leggo, Coelho attualmente, una roba che si chiama Brida.
Missione di stamattina: andare ad Ivrea a riportare il vecchio passeggino e il seggiolone che c'era all'asilo. Intanto passare in un negozio Tim a comprare una chiavetta wifi: Il Fido Pier Francesco ha verificato tutte le coperture e ha consigliato quale dovrebbe funzionare meglio; per cui mi è stato fatto un bigliettino tutto precisino e vai e dì buongiorno.
Poi cercare di andare avanti con le valigie, ho già messo via le lenzuola, ma la situazione è ampiamente assolutamente e senza dubbio sotto controllo.
Mi sono dimenticata di dirvi una cosa che ha reso pensierosi i bambini comitateschi: Ulisse il cagnolotto che seguiva tutte le manifestazioni non c'è più.
E invece non ho davvero capito una cosa, sai che novità mia cara, dice LA PAOLA: ma da Peter Pan, Santa Lucia porta il Silvio o Santa Lucia è il Silvio? Che prospettiva, mamma santissima.
Buona giornata.
Angela

domenica 12 dicembre 2010

Trà 7 giorni sbarchiamo a Porto Torres

Bene bene,
stà per iniziare l'ultima settimana prima della partenza, in questi giorni dovremo darci una bella regolata per mettere in ordine tutte le idee e riuscire a preparare tutto cercando di dimenticare solo cose non fondamentali (qualcosa rimane a casa sempre), ho visto su internet cha la zona di Porto Torres dovrebbe avere una bella copertura wifi quindi dovremmo essere in grado di raccontarvi giorno per giorno come va la vita sull'isola (non dei famosi per carità).

Ieri Angela stava iniziando ad organizzare le valige e mi ha chiesto se le abbassavo quelle della florida che sono ovviamente molto grosse, tanto solitamente stanno nella panza dell'aereo, le ho dovuto ricordare che il bagagliaio della macchina seppur estremamente spazioso può contenere al massimo 2 di quelle e poi si arrende. Va bene che stiamo via solo un mesetto e che nelle vicinanze ci sono dei supermercati per comprare molte cose sul posto. Staremo un pò stretti ma ci riusciremo.

Ieri mattina Fabullo si è divertito un mondo in piscina, ha lavorato circa 40 minuti sgambettando a 1000 all'ora, la Michi ed io invece siamo andati a cavallo per le 10.30 ed è stato bellissimo anche perchè il paesaggio era veramente fantastico, terso con le montagne della valle d'Aosta che sembravano ancora più vicine e spruzzate di neve.

Nel pomeriggio è arrivata un'amica della Michi per giocare giusto 5 minuti mentre la mamma e Fabio sono andati sul cavallino.
Il signorino si è comportato benissimo e ha lavorato come si deve senza fare il monellino!!!!!!

Bene anche oggi giornata di sole con un venticello che sembra un rasoio, questa mattina compiti micheleschi mentre nel pomeriggio passiamo da Nonna Roby e Zio Alberto a fare merenda.


Saluti a tutti.

Paolo

sabato 11 dicembre 2010

Programmi giornalieri e settimanali.

Allora, la partenza per la Sardegna è fissata per venerdì sera: ciò vuol dire che tra una settimana a quest'ora saremo già sbarcati; ciò vuol anche dire che sarebbe il caso che mi dessi una mossa a preparare qualcosa, nèh.
Ma lo faccio, sul serio: è che fino a che non sapevamo bene come sarebbe andata a Genova mi sono un pò piantata, ma la prossima settimana faccio tutto, giurin giuretta. Non oso pensare a quanta roba verrà fuori, saremo davvero il Gruppo Vacanze Piemonte Nèh.
Comunque nell'appartamento c'è la lavatrice e i supermercati sono vicini per cui sabato potremo già fare delle scorte: ciò non toglie che avremo uno sproposito di cose lo stesso e quando Paulo Aimo vedrà le valigie non so bene cosa dirà.
Paulo Aimo rimarrò fino al 26 dicembre, quando partirà perchè il 27 tornerà al lavoro.
Però il 27 arriverà La Stefi dai Monti Olimpici con il suo Pargolo: resteranno con noi per aiutarci e farci compagnia. Poi ripartirà lei e tornerà Paulo Aimo per ricaricare tutto e tornare a casa.
Ovvio che in Italia gli spostamenti e l'arrivo della manodopera in aiuto sono un pò più semplici che oltreoceano: se ci rendiamo conto che l'iperbarica funziona, diventa più possibile programmare dei cicli in Sardegna o in altri centri italiani.
Giusto per parlare di cose da portare: ieri Fabullo è uscito dall'asilo e con la Michi siamo partiti alla volta del supermercato per comprare 10 euro di tovaglia natalizia da mettere sul tavolo sardo. Così avremo una tavola delle feste per stare di buon umore; così avremo anche un'altra cosa da portare, ma è una cosa piccola piccola, esattamente come le altre 307 piccole piccole!!!!
Ieri la somministrazione del nuovo farmaco è andata bene, per cui un giorno in meno della settimana di prova è già passato: ha solo mangiato poco a pranzo all'asilo, ma per merenda ha voluto la focaccia senza tanti complimenti, quindi non commento.
Questa mattina siamo pronti per la piscina, speriamo non ci chiamino perchè ci sono grane.
E oggi pomeriggio ce la facciamo ad andare sul cavallino, finalmente!!!!!!!!!!
Grazie per ieri, oggi proviamo ad andare avanti.
Buona giornata.
Angela

venerdì 10 dicembre 2010

Evvài di pensieri.

Allora, non so bene cosa dire: non so bene se siamo contenti o no, se siamo tetri perchè siamo stanchi o perchè abbiamo ragione ad esserlo.
Prima di tutto siamo a casa e questo è buono, anzi buonissimo.
Come temevamo, l'eeg ha fatto vedere delle assenze, la nostra impressione era giusta.
Però non era un eeg brutto come quello di fine ottobre, tanto da doverci trattenere lì.
La dottoressa ha deciso di aggiungere un farmaco che era già nell'aria, nel senso che avevano già pensato di mettere: non è un farmaco che possa dare dei problemi neurologici, per cui lo possiamo tranquillamente iniziare a casa.
In una percentuale minima di bambini dà dei problemi gastrici: nel senso che durante la prima settimana può esserci un pò di nausea e qualche vomito; solo qualche, se capita troppo spesso bisogna sospenderlo.
Se invece vomita poco o niente e c'è un calo dell'appetito, ci ha pregato di tenere duro e andare avanti perchè è un effetto transitorio e lei pensa che possa essere un farmaco molto utile, per cui vorrebbe proprio provare a farlo prendere a Fabullo.
Ci ha anche detto che ci sono ancora delle possibilità legate a diversi tipi di farmaci, tra cui questo, per cui preferirebbe non accontentarsi del risultato raggiunto, ma cercare di aiutare ancora di più Fabullo a stare meglio.
Ci rivediamo tra due mesi, perchè comunque non è necessario rivedersi prima, la situazione non è così instabile; però ci sentiamo per capire come tollera il farmaco.
Prima parte.
Seconda parte: certo però che le lesioni profonde come quella di Fabio determinano delle epilessie severe e il nostro obbiettivo deve essere di cercare di farlo stare il meglio possibile, perchè eliminare tutto è davvero difficile.
E i sobbalzi? I sobbalzi per adesso lasciamoli da parte un attimo: i farmaci che sta prendendo ora dovrebbero mitigarli: ed è vero, perchè ne ha di meno (solo che noi non li sopportiamo proprio più) e anche l'eeg lo dimostra. Però potrebbero essere farmaco resistenti: per cui non aggiungiamo altre cose adesso che poi non si capisce più niente, cerchiamo di aiutarlo con le assenze sperando che poi l'attività elettrica del cervello si normalizzi di più e anche i sobbalzi diventino più gestibili.
Insomma: vuole continuare a lavorare per Fabio.
Però: va bene o va male? Sicuramente meglio, ma potrebbe andare meglio o dobbiamo andare piano e basta? O non va meglio? Siamo tetri perchè siamo stanchi morti o perchè non possiamo fare altro che essere tetri?
E l'ossigeno? La variabile è stata che non abbiamo ripreso l'ossigeno in autunno e sicuramente i sobbalzi prima erano migliorati e le assenze non c'erano. Però magari è un caso.
Però adesso stiamo per farne un ciclo e potremo capire: se funziona, che bello. Se non funziona, forse quello che poteva fare l'ha fatto.
Forse noi dobbiamo guardare quanti cambiamenti funzionali ha fatto Fabullo negli ultimi due anni: ma, siccome siamo tetri, saranno cambiamenti significativi? O sono cosine che non significano niente e basta? E quindi? E se anche fossimo al traguardo, cosa dobbiamo fare? Mezz'oretta di mobilizzazione ogni tanto sarà la cosa giusta? E poi torniamo al fatto che è rigido e non riusciamo più a muovergli il braccio? Ma tanto è così lo stesso?
O solo siamo troppo stanchi e poco lucidi?
In fondo la dottoressa ci dice le cose che ci hanno sempre detto e nessuno sapeva e sa dove davvero possa arrivare Fabullino? Ad essere sinceri, ci ha anche detto che il modo in cui è seguito Fabio a livello riabilitativo è quello giusto.
Per non sbagliare, siamo tornati a casa e ho visto la biblioteca illuminata, così ho pensato di andare a farci un giro. E' un pò come prendere un imbuto per fare uscire qualche pensiero dal cervello.
Buona giornata.
Angela

mercoledì 8 dicembre 2010

Buona festa.

Gran cosa dormire la mattina, che bella invenzione i giorni di festa.
Fabullo è lì che chiama già bello stufo, la Michi invece ronfa: ieri sera le abbiamo concesso di stare sveglia a guardare Cenerentola, per cui adesso è in fase di recupero nanna.
Si è abbastanza lamentata del papà perchè lui non capiva tutto al volo nel film e continuava a fare domande e a commentare; io la capisco perchè qualche anno portarono me e Il Pier Francesco a vedere Roger Rabbit e ho giurato che mai più.
Ieri sono andata a parlare con la direttrice didattica e sono stata molto contenta: è una persona che ha perfettamente presente i problemi che possono emergere e che è intenzionata a lavorare al massimo per risolverli o, quanto meno, contenerli.
Insomma, una persona che non vuole trincerarsi dietro al fatto concreto delle scarse risorse per avere la scusa per non impegnarsi.
Al pomeriggio ne ho parlato con Barbara che è stata molto soddisfatta: da logopedista che prende contatti con le scuole incontra più spesso situazioni analoghe in cui viene semplicemente detto che questo bambino qui è meglio di no, trovate un'altra soluzione.
Oggi pomeriggio partiamo per Genova e Michi rimane dai nonnini: incrociate incrociate e incrociate perchè sia solo un day hospital e nel pomeriggio ce ne torniamo tutti a casa.
Effettivamente in questa settimana abbiamo visto qualche assenza, ma davvero pochissime: speriamo che basti eventualmente ritoccare i dosaggi. Speriamo invece che quello che vediamo non sia solamente la superficie e che poi l'eeg non mostri un gran pasticcio.
Forse mi preoccupo troppo, ma di questi tempo non ce la faccio tanto a stare tranquilla.
Ma quindi il buco nero tecnologico è contagioso? Anche la caldaia di Boog!!!!
Ieri è venuto il tizio della lavatrice ed ecco il responso: la lavatrice non ha niente. E allora perchè perde? Sicuramente perchè lei mette troppo detersivo. Ma ne metto poco e comunque faccio allo stesso modo negli ultimi dieci anni. Risposta: la lavatrice non ha niente, è qualcosa che fate voi.
E ditemi se non è un mistero tecnologico.
La prossima volta chiamiamo direttamente Peter Pan, che secondo me è molto più bravo lui con i misteri misteriosi.
Non credo che passerà di qua di oggi perchè sarà un vortice di impegni: però facciamo tanti tanti auguri alla nostra Lully, perchè il Giorno dell'Immacolata è proprio la festa del suo ordine. E lei pensa sempre al nostro piccino.
Vi diamo notizie appena possibile, incrociate perchè sia domani pomeriggio.
Buona giornata.
Angela

martedì 7 dicembre 2010

Mai contenta quella lì.

Ecco lì, la sveglia che suona, un freddo becco fuori dalle coperte, il trauma dell'alzarsi la mattina è una di quelle robe che non so mica se hanno studiato abbastanza nelle sue conseguenze nefaste, insomma, ora mi alzo, solo cinque minuti e ovviamente passa mezz'ora.
Non sono nemmeno originale nelle mie paturnie, sempre quelle!!!
Proprio stamattina che bisogna darsi una disturtugliata galattica:devo portare Fabullo all'asilo prima delle nove, perchè alle nove e un quarto devo essere in direzione didattica a San Giorgio.
Poi dobbiamo andare dalla Barbara, ma all'una e mezza perchè lei ha degli impegni: quindi a mezzogiorno e mezza recupero Fabullo all'asilo, che avrà appena finito di mangiare, starà giocando e non vorrà venire via.
Intanto alle due e mezza arriva anche il tecnico della lavatrice che continua a perdere acqua: così verranno su i nonnini per seguire i lavori.
Poi, nel tardo pomeriggio, o Paulo Aimo o io andiamo alla scuola di Michi per i colloqui, dove ci diranno quanto è somarella.
Quello della lavatrice è un mistero che speriamo di risolvere in maniera non troppo dispendiosa: chissà cosa ne dicono i nostri mistici. O forse dobbiamo prima spostare la lavatrice a La Spezia, che pare sia un luogo di profezie assai gettonato.
Comunque continuo a pensare che la tenda delle profezie sarebbe proprio un bella attività, Peter Pan si è espresso per il nero cornacchia, chissà se il turbante lo vuole oppure no.
Ieri Fabullo si è comportato bene: è stato bravo all'asilo e si è impegnato; poi siamo andati in fisio e c'erano le due Manu e anche il neuropsichiatra di Cavalc'ando che è venuto a vederlo all'opera dopo la performance alla valutazione di lunedì scorso.
Per cui siamo entrati, Fabullo ha visto tutti quelli lì e, tanto per portarsi avanti, si è messo a strillare. Così io me ne sono andata e lui, in realtà, l'ha piantata subito lì: anzi, ha lavorato proprio bene e alla fine sapete cos'ha detto la Manu Luca? Che era contenta che fosse stato così bravo almeno il dottore l'aveva potuto vedere bene; ma che le faceva venire il nervoso che fosse stato così bravo solo perchè c'era il dottore.
Ditemi voi se potrà mai essere contenta quella lì!!!!!!!!!
Bòn, mettiamoci in moto.
Se ho dei dubbi, consulto il nostro mistico di fiducia.
Buona giornata.
Angela

lunedì 6 dicembre 2010

Che bella domenica.




Ieri ci siamo distratti volentieri, staccato un pò la testa e riposati.
E siamo andati al Museo del Cinema a Torino, dentro la Mole; per la serie, visto che abbiamo questa carrozzina, usiamola nella sua praticità per andare a spasso.
E Fabullo è stato proprio contento: probabilmente è seduto ad un'altezza naturale per lui, che è un bassotto, si vede tutto bene e si va veloci.
Era tutto trullo.
Del museo abbiamo ovviamente capito poco della tecnica, ma ci siamo divertiti perchè è un posto scenografico, pieno di luci e cose strane.
Dove ci sono tutti quelle formule verdi è appunto una stanzetta dove tutto diventa verde e fosforescente: Fabullo è diventato matto nel vedere le sue scarpine diventare verdi e tutto il bianco illuminarsi, quando ne siamo usciti ha iniziato una taroccata che non finiva più e abbiamo dovuto rientrarci.
Poi Paulo Aimo sul set di Cabiria era semplicemente meraviglioso, prego notare l'espressione convinta.
Invece la Michi ha preferito il Caffè Torino, nèh.
Poi siamo andati a fare merenda, attraversando un pò di Via Po tutta illuminata e siamo finiti al Caffè Elena di Piazza Vittorio: uno di quei locali storici così da più di cent'anni dove c'era dello spazio comodo nella saletta.
E lì Fabullo è di nuovo impazzito di gioia, non so se ha avvertito gli stimoli storico culturali, ma più probabilmente perchè era un posto bello calduccio in cui c'era da mangiare!!!!!!!!
Sicuramente, rispetto a non troppo tempo fa, diventa sempre più gestibile a passeggio, si diverte tanto e apprezza le cose.
Anche le crisi sono andate bene, speriamo che le assenze dell'altro giorno siano state un caso: la dottoressa mi aveva detto che era possibile, magari basta ritoccare la terapia senza ricominciare da capo.
Insomma, una bella domenica, rilassata e allegra e ci voleva.
Che poi perchè sia tutto così tragico negli ultimi tempi, in fondo non lo so. Non succede niente di troppo brutto, ma neanche di troppo bello, forse il problema è quello lì. Forse è solo stanchezza, che fa riempire la testa di domande, prima fra tutte quella se facciamo bene o no a cercare di offrire delle opportunità al nostro piccino o se è tutto inutile.
Che piaga però, già.
Comunque leggo di nuovo la Pedra Delicado.
Buona giornata.
Angela.

domenica 5 dicembre 2010

Domenica di Neve

Eccoci qui,
questa mattina ci stiamo svegliando con calma! ieri sera mamma e Miky sono pure già andate a Messa e questa mattina non dobbiamo correre per essere in Chiesa alle 9.30,
che bello pigrare la domenica mattina senza dover guardare l'orologio.
Ieri Fabullo ha fatto riposo forzato!! ebbene si, in piscina faceva freddino e abbiamo preferito saltare, mentre l'ippoterapia è saltata dato che ieri si inaugurava lo sportello dedicato all'ippoterapia a torino e i responsabili di Cavalc'ando erano impegnati.

Non avendo impegni siamo andati tutti con la Michela a cavallo e mentre lei andava in passeggiata noi ci siamo sacrificati in gelateria!!! Fabullo ha fatto merenda con gelato e cioccolata calda! il signorino era molto ma molto soddisfatto, aveva cioccolato dappertutto, abbiamo preso un pacchetto di Cri Cri per la Michi in maniera che non si sentisse proprio del tutto defraudata.

Oggi pensavamo di andare a vedere il Museo del Cinema ma ancora non abbiamo deciso, se non facesse troppo freddo sarebbe una bella idea, penso che ai bambini piacerebbe molto.
La temperatura in questa zona è molto bassa, le previsioni non sono buone, danno neve da questa sera fino a domani mattina e freddo intenso fino a fine anno, a breve faremo un bel pupazzo di neve in giardino, aspettiamo Pier per l'occasione!!!!!!

Buon freddo a tutti!!

Paolo

sabato 4 dicembre 2010

Troppe domande per una testa.

Ieri mattina all'asilo Fabullo ha camminato bene con il suo girellino e ha lavorato in tutti i suoi compitini, insomma possiamo dire che ce l'ha di nuovo fatta a recuperare i suoi ritmi.
In fondo è un bravo piccino: gli abbiamo sballato tutti gli sforzi per prendere coscienza del suo corpo che ha fatto negli ultimi tempi facendolo diventare molle come uno straccio, e piano piano lui ha recuperato di nuovo le sue cosine.
Penso non sia una sensazione piacevole sentirsi così, per questo è stato bravo, si è impegnato tanto.
Da un lato; dall'altro lo appenderei per le orecchie al freddo e al gelo quando invece somareggia ad oltranza. Così incomincio a chiedermi: una cosa alla volta, tempo al tempo, oppure visto che ha fatto delle cose e non riesce a farne altre vuol dire che non ce la farà mai? Vuol dire che mi faccio troppe domande perchè sono saggia? O sarebbe meglio godermi il prossimo sorso di thè e basta?
E poi: ieri ha avuto un'altra crisi lunga e delle cose che ci sembravano le assenze. Ma erano la coda della crisi lunga, visto che le abbiamo viste dopo? O il farmaco non fa effetto? bisogna solo ritoccarlo? bisogna partire da capo?
E quindi? ce la faremo a fare l'ossigeno? E' l'unica variabile che c'è stata, non aver ricominciato con l'iperbarica in autunno. E' un caso? Oppure no? Tutto è contro Fabullo o tutto lavora per lui?
Non so se avete presente la sensazione di quando la testa non sia abbastanza spaziosa per tenere dentro tutti i pensieri.
Invece credo seriamente che dovremmo sfruttare seriamente le grandi doti divinatorie di Peter Pan, potremmo farne un fenomeno planetario, anche solo le grandinate sono una roba serissima.
Propongo un turbante blu notte con il diamante in mezzo. E mantello dai riflessi argentei. O attacca di più il nero cornacchia? E' una cosa che va studiata bene.
Ieri il Pier Francesco in versione Messner-reporter l'ho visto alla veloce, ma dò per certo che sia praticamente un figurino: lascio stare anche perchè oggi lo so impegnato in un simposio metereologico e non mi perdonerebbe mai di non avergli concesso il diritto di replica.
Incrociare l'incrociabile, pensare il pensabile e pregare il pregabile.
Per favore.
Noi andiamo a fare i pesciolini.
Buona giornata.
Angela

venerdì 3 dicembre 2010

Vaneggiamenti vari.

Peter Pan è sempre un grandissimo. Me lo vedo nella sua veste da indovino, con il turbante in testa, che auspica e vaticina. Adesso mi spiego perchè sul lavoro non ha quiete, chissà che fila di gente c'è lì fuori che aspetta, magari al vento e al gelo, pur di avere un responso.
Però adesso ce lo deve dire: ma che cosa cavolo poteva fare una spia in Siberia nel 1075? Spiava i caribù? O i licheni? O era stato mandato in Siberia per chiarirsi un pochino le idee, che il freschetto mantiene sani e lucidi?
Stavo per scrivere che, in tal caso, forse dovrei farci un giro anch'io, ma mi sono fermata in tempo, dopo la storia delle flebo non si sa mai.
Ieri è stata una giornata positiva per Fabullo: non posso fare i salti di gioia con qualche grandissima novità, come invece vorrei; però è andato tutto bene e quando va detto va detto.
Non ho trovato Jacek e Kuba devastati dopo la fisio perchè Fabullo, stavolta, si è comportato dignitosamente. E, all'asilo, ha anche camminato un pochino di più con il girello.
Io ho passato una giornata allucinata a pensare pensare e ancora pensare e l'unico risultato è che stamattina sono stanca come se avessi lavorato in miniera, ho fatto proprio un bell'affare insomma.
Sarà bene, ma proprio bene, che incominci a dare almeno una vaga pensata all'organizzare la partenza per la Sardegna, in termini di roba da preparare; perchè alle prenotazioni varie ci ha pensato Paulo Aimo Santo Subito.
Speriamo nell'ossigeno, speriamo; o forse dovrei incominciare a contarci e basta: è innegabile che a Fabullino abbia sempre fatto bene.
Sapete la tizia che ha scritto la Pedra Delicado? Gimenez-Bartlett si chiama. Sto leggendo Giorni d'amore e inganno che con la Pedra non c'entra niente e stamattina mi sono alzata determinata ad esercitare il diritto di non leggere. E' una storia da piagaggine più che acuta, peggio della mia. Peggio? dice LA PAOLA; peggio, sul serio.
Insomma, anche stamattina non ho raccontato niente, lo so. Però grazie perchè ci siete lo stesso. Non potete immaginare quanto bene faccia.
Buona giornata.
Angela

giovedì 2 dicembre 2010

Piccoli campioni

Ieri Fabullo in fisio è stato da abbattere: ha sempre sempre sempre pianto e basta. O meglio: per giocare a macchinine mica piangeva. Solo che c'era la Manu Luca, per cui ha trovato quella giusta.
Che rabbia che mi fa quando fa così: alla fine lavora, però se non piangesse capirebbe di più cosa fare, verrebbero fuori delle cose migliori.
Per cui vai di tetraggine: lui è contento di stare così e basta; oppure: è tutto troppo difficile e basta; oppure: non è vero che è cambiato, ha fatto delle cose irrilevanti e basta; oppure... non lo so, ma se mi impegno vado avanti tutto il giorno.
Così vi racconto un'altra roba, molto ma molto più produttIiva.
Sul lato bresciano del Lago di Garda ha aperto il Centro Piccoli Campioni: è stato voluto dalla famiglia di un'amichetta di Fabullo che avevamo incontrato in Florida; una bellissima piccina con tante potenzialità che sono venute fuori ed è davvero migliorata tantissimo.
Così hanno creato questo centro, per colmare, almeno in parte, i buchi del sistema sanitario pubblico, avendo sperimentato in prima persona che il lavoro intensivo ha un senso, che dà dei risultati, che il cervello di un bambino è in continua evoluzione e per questo è necessario offrire a questi piccini tutte le opportunità. Questo è il loro sito: www.centropiccolicampioni.it
Lavora in questo centro anche Andrea, una delle terapiste che abbiamo conosciuto in Florida, che ha davvero grandi competenze ed è molto brava nel relazionarsi con i bambini.
Ed è una persona molto positiva, con grande fiducia nelle potenzialità dei bambini.
Non come me stamattina, per esempio.
Ieri Fabullo (ma non dovevo piantarla lì?) ha anche avuto una crisi lunga all'asilo: la dottoressa di Genova ci ha detto che stiamo lavorando solo sulle assenze e queste continuiamo a non vederle; per cui speriamo di poter affrontare in seguito anche i sobbalzi.
Però un pensiero che frulla ce l'ho (solo uno, mia cara, dice LA PAOLA?): ci avevano detto che l'ossigeno avrebbe fatto effetto per un quattro mesi dopo l'interruzione del trattamento. Ma allora non è un caso? Oppure è un caso e il cervello sta solo crescendo e avendo tanti stimoli che fa fatica a organizzare?
Adesso la pianto lì davvero, se oggi invece che salutarci passate la giornata al caffè fate bene.
Buona giornata.
Angela.

mercoledì 1 dicembre 2010

Gita nel traffico.

Ieri siamo partiti pieni di buona volontà per andare da Barbara.
Solo che, usciti dall'autostrada, la tangenziale era bloccata dalle manifestazioni, così ci hanno dirottati tutti in mezzo a Torino: sia noi che venivamo da Aosta, sia quelli che arrivavano dalla Milano, molti ma molti di più.
Non vi dico che disastro di macchine. Più che altro io ero nel panico perchè a guidare nel traffico torinese sono più o meno una capra.
Però eravamo imbottigliati, per cui proviamo ad andare coraggiosamente oltre e cerchiamo di rientrare in tangenziale più avanti: solo che poi ho sentito alla radio che tutta la tangenziale nord era bloccata, per arrivare a Orbassano bisognava attraversare la città, in parte bloccata anche quella. E, comunque, io sarò anche impedita per definizione, ma tale spostamento ci avrebbe portati a destinazione forse in due o tre giorni, anche in condizioni normali!!!!!!!!!!!!!!
Per cui abbiamo girato la macchina e siamo tornati a casa. E già lì la facciamo semplice, nel senso che imbottigliati in un corso torinese non si fa inversione proprio così perchè si decide di farla.
Comunque è andata, in un'ora e mezza siamo andati e tornati alla fine: LA PAOLA, invece, ha soggiornato in tangenziale abbastanza da leggere un paio di libri.
Non posso dire di avercela con i manifestanti: nel senso che sono certissima che nell'università ci siano tanti sprechi e tanti privilegi ingiusti, ma tagliando così ci rimettono tutti quanti. Ma, forse, ciò che veramente esaspera gli animi di tutti quanti, è che i tagli vengano sempre sempre e sempre e solo fatti sulla scuola, sulla sanità, sull'assistenza eccetera eccetera; mentre ci sono altre svariate cosette che vengono ritoccate giusto per dire che si fa ma senza mai intaccare veramente l'entità di quei costi lì, vedi certi stipendi e certe pensioni.
E bòn.
Però Fabullo è andato all'asilo ed è andata bene: Patri è molto soddisfatta della nuova carrozzina, lui ha lavorato bene e ha anche camminato con il girello.
Patri è soddisfatta ma continua a farlo stare anche sullo standing perchè gli fa bene e non si deve impigrire.
Qui neve ma poca, non penso sia da spalare, le termiche dovrebbero bastare per salire.
Grazie a Bubietta per il suo pensiero a Babbo Natale. Grazie davvero. Solo Dio sa quanto ne avremmo bisogno. O almeno spero, che lo sappia.
Buona giornata.
Angela

martedì 30 novembre 2010

Grande collaborazione

Non so per voi, ma per me la sveglia rimane, come dire, un'esperienza traumatica.
Tutte le volte che la sento penso: va bene, mi alzo (con calma), però poi torno a dormire appena possibile.
Che poi è appena possibile la sera alle undici.
Fabullo ci sembra meglio, penso che oggi andrà all'asilo: ieri non aveva ancora un grande appetito, ma comunque ha già mangiucchiato di più del niente di domenica.
Soprattutto, è stato molto più vivace.
Magari all'asilo farà pochino, ma almeno si distrae con gli altri bambini.
Ieri pomeriggio siamo andati alla visita con il neuropsichiatra di Cavalc'ando, con la Manu Luca e Jacek.
E cos'ha fatto Fabullo? Niente ha fatto: ha strillato come un'aquila, anzi, meglio un tacchino. Non si è fatto toccare nemmeno per sbaglio. Ancora un pò e arrivavano i pompieri, la protezione civile e le assistenti sociali a denunciarci per maltrattamenti.
Per cui il medico, anche lui da annoverare nella categoria dei santi subito, verrà a vederlo un giorno mentre fa fisioterapia, dov'è più a suo agio, non si sente aggredito, non la fa lunga, eccetera eccetera.
Hanno guardato insieme le risonanze e il medico ha consigliato ai terapisti di insistere su capo e tronco, capo e tronco, capo e tronco.
Io sono contenta che non ci abbia detto di smettere di provarci, è sempre la frase che temo di più.
Oggi si va dalla Barbara, speriamo che Fabullo si comporti decentemente.
Buona giornata.
Angela.

lunedì 29 novembre 2010

La tareffaggine

Ieri giornataccia, anche se in fondo non è successo nulla di male, siamo noi che non sopportiamo mai niente.
Nel senso che Fabullo non è stato bene: già sabato aveva cominciato ad aver poco appetito. Ieri non ha voluto da subito fare colazione e poi è sempre stato tanto ma tanto mogio. Ha dormito tanto sia la mattina che il pomeriggio.
Per cui panico: forse ha delle crisi che non vediamo e che lo rendono così cotto.
Forse, molto ma molto più probabile, è tareffo: per fortuna senza febbre, senza tosse e senza vomito. Probabilmente la sta combattendo, sembra che l'asilo sia un lazzareto.
Per cui oggi rimarrà sicuramente a casa: speriamo stia molto meglio di ieri, ma in qualunque caso è meglio che riposi per recuperare le forze.
Oggi pomeriggio avevamo la visita con il neuropsichiatra di Cavalc'ando insieme ai terapisti, ma non so mica se sarà possibile: oltre tutto fa freddissimo, se non è davvero in forma rimandiamo tutto.
Così ieri ci siamo insangrinati il giusto, però abbiamo anche fatto l'albero, studiato i Babilonesi, il moto dei corpi e i paesaggi antropici, what's your favourite subject, più una roba di mate dove io ho passato la mano: c'erano sei tizi
che la mattina vanno al bar e prendono tutti qualcosa, cinque brioche e quattro caffè, chi piglia solo una cosa chi ne piglia due ma per carità.
Io leggo Publio Aurelio, un investigatore nell'antica Roma, così vado sul sicuro.
Abbiamo anche guardato la neve, che è venuta bella convinta ma poi ha smesso e si è sciolta: peccato dice la Michi.Per noi, pensando alla pala, va bene così.
E basta: siamo tetri ma non troppo, perchè se l'influenza va così va di lusso. Sarà una lunga giornata, questo sì.
Insomma, non ho niente da raccontare, ma ditemi che è solo tareffaggine.
Buona giornata.
Angela

domenica 28 novembre 2010

E neve sia



Mamma mia i bernacchini questa volta hanno azzeccato le previsioni!!
Ammetto che non ci credevo che nevicasse cosi' presto, invece questa mattina ci siamo alzati e guardate un pò il paesaggio che si è presentato ai nostri occhi.
Cenerentola Lully ieri sera ha scritto a mezzanotte in punto!!! ho sempre pensato fosse una donna precisa, ma cosi' tanto no.

Allora ieri è stata una buona giornata, al mattino Fabullo è andato in piscina e ha lavorato bene una bella mezz'ora, Angela e le due terapiste sono state molto soddisfatte perchè nel nuotare a dorso si inclinava troppo verso destra ma poi riusciva a raddrizzarsi da solo. Ieri ha messo anche la tutina ed è andata proprio bene.

Nel pomeriggio la Miki è andata a giocare con una sua amica che quest'anno è andata in prima media, hanno parlato un pò di compiti e interrogazioni alle medie e poi hanno giocato a nascondino fino alle 7 di sera, ovviamente a cena stava per addormentarsi sul piatto!
Mentre la Michela giocava a nascondersi noi siamo andati a confrontarci con il tecnico ortopedico per la carrozzina, abbiamo fatto qualche piccola modifica per controllare meglio il bacino ed ora ci sembra vada decisamente meglio, il piccolo è contento di starci sopra e poi ha le ruote uguali a una bicicletta!!!!!! e quindi ci piace ancora di più, Fabullo era molto arrabbiato quando gli abbiamo tolto le ruote lasciandolo sui mozzi!!!

Bene, auguro a tutti una buona giornata, stiamo cercando di metterci in contatto con la Stefy dei monti olimpici per sapere se sono letteralmente seppelliti dalla neve,
qui ha appena iniziato a nevicare ma devo dire che viene giu con molto impegno!!!!

Buona giornata a tutti.

Paolo

sabato 27 novembre 2010

Riabilit'ando.

Ieri alla fine ho telefonato alla dottoressa del Gaslini per raccontare di queste crisi, leggermente in aumento dalla settimana precedente: in effetti man mano che uno parla si sente un pò paranoico, perchè è vero che non è peggio del solito, è solito che ci sembrava andasse meglio.
Però la dottoressa è stata carina come al solito e non mi ha nemmeno detto che sono noiosa come una piattola. E mi ha confermato quello che pensavamo: lei con il nuovo farmaco stava mirando solo a togliere le assenze, che in effetti noi non vediamo più e capiremo con l'eeg se è vero. Le crisi a sobbalzo per uno stimolo visivo sono un'altra roba e richiedono un altro approccio e poi vedremo: quindi se ne aveva di meno o è un caso, o era più intontito e quindi era meno attento agli stimoli esterni.
Quindi non sta peggiorando e che piaga che sono.
Al momento l'unica cosa che manca ancora è la resistenza nel camminare con il girello: anche perchè di solito lo fa verso l'ora di pranzo, che è proprio quella in cui è più stanco. Adesso diventa più difficile fare anche le nostre passeggiate in Via Parrocchia perchè o piove o fa un pò freddino!!!!!!!!!! Neve domani???????? Chissà.
Sui monti olimpici si comincia a sciare, dice La Stefy.
Siccome sono una piaga galattica mi dimentico sempre invece di una cosa importante.
Vi racconto sempre che il sabato Fabullino va a cavallo, o che non ci va, come oggi, perchè dobbiamo tornare dal tecnico per 'sta carrozzina, che agonia.
Come vi ho già raccontato, i ragazzi di Cavalc'ando sono bravissimi: Luca è il terapista e Cinzia il tecnico che si occupa del cavallo; vuol dire che sceglie quello più adatto al paziente, con i finimenti adatti, che lo conduce, regola e impone, direzione e andatura a seconda del lavoro che il terapista vuol fare.
In Italia questo settore non è particolarmente regolamentato: vuol dire che non è detto che chi si occupa di riabilitazione equestre sia particolarmente formato ad esempio ad affrontare problematiche neuromotorie come quelle di Fabullo; magari è una persona che se la cava bene con un problema relazionale, ma che non sa tanto dove mettere le mani con un paziente tetraplegico senza controllo del tronco.
Luca e Cinzia, invece, hanno delle grandi conoscenze neurologiche e una grande abilità con i problemi neuromotori e questo è il loro sito: www.cavalc-ando.it
Inoltre, sono supportati dal neuropsichiatra e dall'ortopedico, che valutano i pazienti prima di iniziare il ciclo e intervengono tutte le volte che è necessario.
Inoltre, fanno parte del gruppo delle Brave Persone e hanno sempre cercato di favorire le famiglie dal punto di vista economico, cercando anche di ottenere la convenzione con l'asl, e riuscendoci in alcuni casi perchè lavorano sul territorio con asl diverse.
Non c'entra niente, ma mi viene un inciso: se il servizio è utile, necessario e di qualità, non si capisce perchè un'asl debba convenzionarlo e quell'altra no. Ma comunque.
Proprio sulla base di quest'esperienza di un lavoro di èquipe nel contesto della riabilitazione equestre, hanno dato vita ad un progetto che vuole proporre un servizio più globale, per colmare almeno un pò le esigenze date dai buchi del sistema pubblico.
Così è nato Riabilit'ando: è un servizio rivolto all'età evolutiva, dove il paziente viene valutato da neuropsichiatra, ortopedico, fisioterapista, logopedista, terapista occupazionale, eventualmente neuropsicologo, e dai terapisti equestri. Tutti insieme, così ci si parla tutti e la famiglia non deve tornare cento volte.
Così viene proposto un progetto che copra tutte le esigenze del bambino: la valutazione e i trattamenti vengono svolti al centro del Trompone di Moncrivello, dove i miei colleghi trattano Fabullo e dove lavoravo anch'io.
Invece il lavoro a cavallo è svolto al centro ippico di Borgo D'Ale, che è poco distante.
E' un modo perchè i bambini possano essere davvero presi in carico, senza dover correre da tutte le parti a cercare qualcuno che ne abbia voglia.
E' partito da pochissimo, sembra funzionare, speriamo vada avanti cercando di coprire sempre di più tutte le esigenze, ad esempio quelle di un trattamento intensivo, sul modello Fabullo, per intenderci.
All'interno di questo progetto io ci faccio la volontaria, ed è per questo che, vedendo le cose dall'interno, dico che queste persone mi piacciono davvero.
Purtroppo riesco a fare molto poco, perchè non sono affidabile e non so mai quando ci sono: così aiuto con le valutazioni, sto un pò dietro a pazienti e famiglie, dò una mano alla fisioterapista Fabiana con eventuali problemi che si propongono.
Sarebbe bellissimo poterci dedicare più tempo, con Fabullo che sta meglio: noi abbiamo avuto tanto ed è giusto ricambiare, anche se non è certamente abbastanza.
Fa sempre parte dell'idea di queste persone cercare di favorire al massimo le famiglie, con delle tariffe che servono solo a pagare gli operatori e basta, e sono sempre lì che cercano fondi per cercare di contribuire in situazioni particolari.
Insomma, l'ho fatta lunga ma ci tenevo a raccontarlo.
Ora invece mi mobilito per vedere di andare in piscina senza scoprire che non abbiamo costume e ciabatte.
Buona giornata.
Angela

venerdì 26 novembre 2010

Giuro che ci sto provando.

Questa volta la torta di mele la sto mangiando, non è passata dal forno alla compostiera senza prendere il biglietto. Però la prossima settimana ci si riprova con altre proporzioni, perchè non è mica dolce e profumata come quella di Nonna Papera.
Grande il tacchino a rate; mi ha anche scritto Teresa per darci appuntamento per la cena!!!!!!!!!!!!! Ovvio che certe persone mi mancano, comunque abbiamo trovato degli amici, ma che bello essere a casa.
Oggi sono un pò tetrina ma non come l'altro giorno: non so se è perchè sono più saggia o perchè sono troppo stanca anche per essere tetra, su certi fatti è meglio non indagare troppo.
Perchè ieri Fabullino stava lavorando bene con Arek e Jacek e poi ha avuto una delle sue crisi a sobbalzo un pò più forte e l'ha disturbato per un pò: non sono più come prima, nè come intensità nè come frequenza, ma ogni tanto capita. Abbastanza per farmi venire uno di quei nervosi e di quei dispiaceri galattici, per cominciare a chiedermi perchè e cosa cavolo deve ancora succedere al nostro piccino. Ma comunque.
Invece le assenze non le vediamo proprio più, e su quelle hanno incominciato a lavorare con il nuovo farmaco: se è vero che non ci sono più anche sull'eeg in futuro inseriranno qualcos'altro anche sui sobbalzi, per fare una roba alla volta.
Secondo noi, i sobbalzi erano meno i primi giorni del nuovo farmaco perchè lui era più intontito e quelli sono davvero legati all'attenzione che lui presta all'ambiente. Adesso non sono tornati come prima, ma ogni tanto capita come ieri: ripeto, abbastanza per farmi arrabbiare come una biscia e io le bisce le detesto. Quando le trovo in giardino mi chiudo in casa che neanche ci fosse un cobra, il che ora non c'entra niente, ma comunque: per non cadere nella tetraggine, in fondo le assenze è vero che non le vediamo e quindi lì ci siamo.
Stiamo trafficando con la carrozzina, che ci piace molto e non vediamo l'ora di provarla a passeggio per toglierci la soddisfazione di caricare la macchina con meno difficoltà: però ci sono delle cosine che non vanno bene, per cui mi sa che dovremo riportarla al tecnico che speriamo non ce la tenga per i prossimi 99 anni. Che storia infinitissima, oltre tutto se ci prende il sabato pomeriggio non riusciamo ad andare sul cavallino.
Sempre per non cadere nella tetraggine vi racconto che LA PAOLA mi ha mandato una borsata e dico una borsata di libri, sfruttiamo le nonnine come corrieri, speriamo non sia reato. Così ho già incominciato una coppia di svedesi che scrive gialli sull'ispettore Beck, poi vi dico.
Ellosò che stamattina bamblino e sono noiosa, ma sto veramente facendo degli sforzi disumani per non iniziare la lamentatio.
Oggi si va a fare la rieducazione visiva: la settimana scorsa è andata bene, in effetti senza assenze riesce a rendere di più, ha proprio un'altra espressione.
Buona giornata.
Angela

giovedì 25 novembre 2010

Felice Tacchino!!!!!!!!!!!!

Ieri a scuola è andata benissimo: pensavo di dover prendere in considerazione con le maestre tutti i problemi strutturali e poi cercare di capire quale fosse la soluzione migliore; invece loro avevano già pensato a tutto, soluzioni comprese.
Insomma, ero molto ma molto più preoccupata io di loro, che invece sono assolutamente motivate ad offrire a Fabullino il meglio.
In questo modo i "limiti" di una scuola piccolina passano in secondo piano, in favore invece degli indubbi vantaggi: l'ambiente più familiare, niente bolgia all'intervallo o all'entrata e all'uscita, tutti conoscono Fabio e gli vogliono bene.
Oggi prendo appuntamento con la direttrice didattica per spiegare tutto bene in modo da poter organizzare tutto al meglio in termini di assistenza.
Siamo proprio contenti.
Davvero: non parto con il ditemi voi se si può essere contenti per...; stamattina chi si lamenta è perduto e davvero l'incontro con le maestre è stato un piacere.
Poi sono andata a recuperarlo in fisio e la Manu Luca era molto soddisfatta del lavoro, figuriamoci: pare che abbiano un pò litigato, ma che sia andata bene lo stesso e nessuno dei due era offeso.
Mi sembra di capire che quello che è rimasto da riprendere del tutto sia il cammino con il girello, in cui fatica ancora un pò.
Ieri è stato uno di quei giorni da delirio tecnologico: scheda di rete del pc fisso morta, stilo dal meccanico perchè era morto il termostato dell'acqua, contemporaneo preventivo per la frizione della punto che pare abbia le ore contate. Probabilmente costa più la frizione della punto tutta intera!!!!!!!!!!!
Spero che a Peter Pan oggi venga concesso un pò più di riposo al lavoro, meno di due ore di sonno è roba da chiamare Amnesty. E spero che oggi Giovanni invece se la dorma il giusto... Happy Thanksgiving e non si esagera con il tacchino!!!!!!!!! Ma quanto sarà grande? Come un vitellino?
Buona giornata.
Angela

mercoledì 24 novembre 2010

Oggi siamo di scuola.

Grazie per ieri. Anche alla Lully nottambula, come farà a stare sveglia fino a quell'ora e poi a essere sempre tutta pimpante proprio non lo so.
A proposito sempre di orari, mattinieri questa volta: mi sono messa a fare qualche conto di fusi orari, ma a che ora si alza il nostro consulente americano?
Fabullo ha anche ricominciato a camminare con il girello all'asilo, non ancora a pieno ritmo ma ha ricominciato: non l'hanno ancora messo a fare la fila, ma ieri ha chiesto lui di andare con il girello per stare con i bambini in salone, e soprattutto da solo senza sempre la Patri dietro, ùffa.
Siamo andati da Barbara ed è andata bene: dopo un pò è stanco di stare sullo standing, ma regge sempre più tempo. L'ha trovato più partecipe e più determinato nel chiedere le cose che vuole.
Invece ha la bocca un pochino più molle, per cui fa più fatica a chiudere le labbra con un pò di forza: infatti in questi giorni facciamo un pò più fatica a capirlo. Però secondo Barbara riprenderà anche questo, per il momento il farmaco sta dando più vantaggi che altro. Per cui ci ha consigliato di intensificare un pò gli esercizi di soffio e chiusura delle labbra, che, per altro, facciamo spesso i pelandroni capricciosi e non li vogliamo fare.
Poi: oggi pomeriggio lascio Fabullo in fisio e torno a Orio a parlare con la maestre delle elementari per l'anno prossimo.
Sono contenta, perchè sono la maestra a quadretti e quella a righe e con loro possiamo parlare tranquillamente per cercare di capire in maniera obbiettiva quali sono le soluzioni migliori: nell'attuale contesto scolastico, dove le maestre di sostegno hanno sempre meno ore e in quelle ore la legge dice chiaramente che sono una risorsa per tutta la scuola, diventa importante avere un gruppo di maestre che ci piacciono. Perchè, con le esigue risorse che vengono concesse, è sempre giustificato che l'insegnante di sostegno faccia da tappabuchi per tutte le situazioni che lo richidono, sicuramente tante. Per cui tutto dipende, come sempre, dall'impegno che ci mettono le singole persone e non da ciò che è concesso dal sistema.
Per questo abbiamo bisogno di farci consigliare da loro, che ci piacciono e di cui ci fidiamo: noi preferiremmo che Fabullo rimanesse con queste insegnanti, ma è anche vero che si tratta di una scuola piccola con difficoltà strutturali e di risorse. Nel senso che fa parte di quel gruppo di scuole che si parla sempre di chiudere, che però non chiude perchè non esiste un'altra struttura che possa accogliere i bambini e non ci sono i soldi per farla, e nel contempo vengono offerte sempre meno risorse perchè tanto dovrebbe chiudere.
Sono certa che se le nostre maestre riterranno che ci siano soluzioni migliori per Fabullo ce lo diranno e ci aiuteranno a trovarle.
Altre novità: da ieri la Michi ha tolto l'apparecchio per una prova di due mesi. E' stata proprio brava.
E poi, capitolo borse: dichiaro che quella di Winnie Pooh è ufficialmente deceduta, non stava più insieme e non sapevo più dove cucirla. Ne ho un'altra di tela, ancora più grossa e con ancora più tasche, con dentro l'impossibile ma senza Winnie.
Invece LA PAOLA, ahhhhhhhhh, LA PAOLA: ne ha una meravigliosa, gialla, grandissima, che pesa 12 kili vuota perchè ha un meraviglioso gancio che si apre con un sistema complicato ed è multiuso: si può usare per calarsi da un balcone, per trainare un'auto, per legare i bambini per un pò, per ormeggiare lo yacht, uno spettacolo, giuro.
Buona giornata.
Angela

martedì 23 novembre 2010

Lamentatio breve, vi risparmio la lunga.

Facciamo che stamattina non la faccio lunga perchè altrimenti la faccio lunghissima, una di quelle lamentatio che non bastano le cartucce da elefante per abbattermi.
E'arrivata la carrozzina e alleluia per questo: dobbiamo ancora regolare un pò di cinghiette e misure, poi la porteremo all'asilo.
Ci sta seduto bene, ci sembra che l'apprezzi, ieri sera Michi l'ha portato in giro per la casa e ha mangiato lì.
Diciamo che sarà qualcosa che ci semplificherà la vita, che ci consentirà di muoverci caricando meno cose e quindi ci invoglierà ad esempio a fare delle gite e andremo a spasso e saremo tutti più contenti.
Per il resto, lasciamo perdere il pensare che il nostro piccino di sei anni è contento di stare seduto comodo su una carrozzina: semplice constatazione e dato di fatto, senza stare ad arrovellarsi sull'accettazione, l'immaturità del genitore che vorrebbe sempre qualcos'altro e fa la vittima eccetera eccetera.
Punto.
Solo che non so più cosa raccontarvi perchè stamattina è così e da questi pensieri non se ne esce ancora per qualche ora.
Buona giornata.
Angela

lunedì 22 novembre 2010

Le pulizie, meno male.

Forse e dico forse e dico forse, oggi la nuova carrozzina verrà a casa: sabato c'era sul serio, non abbiamo dovuto andare a chi l'ha visto; e andava anche bene, solo che Fabullo ha dato il meglio di sè in quanto a capricci e mattane. Così il tecnico si è preoccupato e ha deciso di aggiungere una cinghia e un poggiatesta: di per sè non sono necessari per il normale contenimento posturale, ma in caso di mattana sì, perchè sguscia da tutte le parti come un'anguilla.
Allora dovrebbe modificarla e restituircela oggi.
E poi non è èdde e con le lucette, ma blu e con i draghi sulle ruote: quando l'ho vista e l'ho detto, il tecnico voleva più o meno affogarsi. Poi però ho aggiunto che ci teniamo quella, che è carina e non ho veramente ma veramente voglia di aspettare altri due mesi.
Ma Fabullo continuava a dire che lui la voleva èdde e così ha fatto il matto.
Sabato in piscina è stato davvero un pesce, ha nuotato una bella mezz'ora senza tregua, poi ancora un pò si addormentava in acqua.
L'acqua era bella calda, per cui ci siamo tenuti la mutina di scorta, per lasciarlo un pò più libero nei movimenti: ha cominciato ad avere i brividi dopo la mezz'ora, quando ha cominciato a riposare un pò, e a quel punto siamo usciti belli soddisfatti.
Piscina a parte, nel fine settimana Fabullo è stato noioso che più noioso non si può, più o meno come la pioggia che non ha smesso un attimo. Così io sono tetra che più tetra non si può, con davanti un futuro nerissimo e come faremo e siamo sempre nella stessa situazione eccetera eccetera che non sto nemmeno a dirvela tutta perchè non si finisce mai.
Meno male che oggi posso chiamare le ruspe e fare le pulizie.
Però ieri ho fatto da autista ai tre pargoli comitateschi invitati ad un compleanno a Montalenghe: non li ho abbandonati, però: non sapevamo dove fosse la casa e loro mi hanno pregato di fare attenzione perchè era in corso un'altra festa di un bambino di quinta, per cui rischiavamo la situazione di quelli che vanno al matrimonio sbagliato. Così non li ho abbandonati, ma ho loro comunicato che li avrei mollati alla prima festa che avremmo avvistato: non hanno fatto una piega, ho come l'impressione che non mi prendano sul serio.
Buona giornata.
Angela
Buona giornata.
Angela

domenica 21 novembre 2010

Inverno in arrivo

Ragazzi quanta acqua!!!!!!!!!
Speriamo che smetta altrimenti son guai!!!I
Le previsioni non promettono nulla di buono, pioggia fino al 25 e per venerdi’ prossimo è prevista la prima neve in pianura!!!!!

Ieri mattina il piccolo è andato in piscina e si è divertito una bella mezz’ora, è arrivato a casa stanco morto, giusto il tempo di far pappa con i panzerotti che sarebbero stati di mamma e poi ha voluto fare nanna.
Nel pomeriggio la Michi è andata a cavallo mentre Fabio ha provato la carrozzina nuova che è finalmente arrivata, appena giunti dal tecnico ortopedico ha fatto il matto come al solito, poi Angela è riuscita a metterlo su ed è rimasta soddisfatta, dobbiamo solo aggiungere un poggiatesta per far si che quando fa il salame e si butta indietro non si faccia male contro i manici della carrozza.
Il tempo passa e ci stiamo avvicinando a grandi passi a dicembre e alla partenza per la sardegna, dobbiamo iniziare a pensare a come organizzarci con i bagagli perchè è vero che faremo solo un mese ma la roba da portare è molta e lo spazio in macchina non è infinito, sicuramente se Fabio accettera bene la carrozzina che per la cronaca è blu con disegnati i draghi, sarà un bel vantaggio perchè in teoria potrà svolgere il doppio compito di passeggino per muoversi e anche, con il tavolino montato, per stare seduto a giocare in casa, in pratica potremo evitare di caricare in macchina il seggiolone che l’anno scorso ci siamo portati in america. In qualche modo faremo, al massimo metteremo dei bagagli anche sul tetto come ogni famiglia numerosa che si rispetti !!!

Oggi la Michi è invitata ad una festa di compleanno a cui sono invitati anche altri 2 pargoli comitateschi, speriamo che non litighino e che non si tirino troppo i capelli. Se nel pomeriggio il tempo sarà clemente proveremo a fare un giro per distrarre un pò il nostro grande nuotatore.

Buona giornata a tutti

Paolo

sabato 20 novembre 2010

Programmi di oggi.

Solo per dire quanto sono presente e efficiente: l'ultima cosa che Fabullo deve riprendere è camminare con il girello, perchè davvero non ce la faceva più per la stanchezza.
Patrizia aveva progettato di insistere un pò ieri e io che ho fatto? non l'ho scaricato dalla macchina. Sono venuta via dall'asilo, ho lasciato l'auto dal meccanico, sono tornata a piedi a casa godendomi la giornata dipinta, idem al pomeriggio, torno giù dal meccanico, guardo la macchina con il girello nel baule che mi salutava.
Secondo me questa volta LA PAOLA mi risparmia. Ma che rabbia, possibile che uno stia sempre attento per cercare di fare tutto bene, prende decisioni che neanche Obama e poi si perde con delle boiate?????????? Sì, secondo me LA PAOLA è senza parole per la mia dabbenaggine e mi risparmia.
Ieri abbiamo ricominciato la rieducazione visiva e Stefania è stata soddisfattissima per il livello di attenzione e per la resa negli esercizi.
E oggi........ si va a nuotare!!!!!!!!!
Penso proprio che sarà contentissimo. Mettiamo in borsa la nostra nuova mutina arancione bellissima e poi vediamo se è necessario indossarla o no. I ragazzi della piscina mi hanno detto che gli impianti funzionano bene, per cui l'acqua stamattina dovrebbe essere a 31 gradi: ed è anche diventata una piscina con il sale invece che con il cloro, che fa bene alla pelle allo circolazione alla bellezza eccetera eccetera.
Quindi poi vi racconto.
Oggi pomeriggio niente cavallo perchè i ragazzi sono impegnati: allora ne approfittiamo per andare dal tecnico perchè dicono, badate bene il dicono, che sia arrivata la carrozzina èdde, quella che è andata a chi l'ha visto. Ellosò che magari sono la solita piaga pessimista, però se la portiamo o no a casa ve lo dico poi: nel senso che sarà pure arrivata, ma voglio ancora vedere se è a posto, che va bene, con tutti i pezzi giusti. Neanche lo shuttle penso sia così laborioso.
Buona giornata.
Angela